Dove si butta la carta del burro?

Oggigiorno il burro viene adoperato come condimento per piatti e pietanze, anche di tutti i giorni.
Ma lo sapevi che il burro originariamente veniva considerato un ottimo prodotto anche per altri usi?



Nel Nord Europa, ad esempio, lo si utilizzava per alimentare le lampade e per proteggere le navi.
Invece gli antichi Romani lo utilizzavano per le acconciature, e si dice venisse usato dai popoli anche per curare le malattie degli occhi e della pelle.


Ma tornando al mondo della raccolta differenziata, associato al burro, spesso abbiamo come confezione di imballaggio il classico incarto in poliaccoppiato che, succede a molti di noi, non si capisce bene di quale materiale sia composto.


E qui nasce il dubbio… Si getta nella raccolta carta o nella plastica? O nel secco residuo/indifferenziato?
Vediamo insieme la giusta modalità di conferimento.

Purtroppo, essendo l’incarto del burro un poliaccoppiato non riciclabile e, quindi non differenziabile, va conferito nella raccolta del SECCO RESIDUO/INDIFFERENZIATO.

Ricordiamoci anche che per un CORRETTO CONFERIMENTO dei RIFIUTI è sempre bene comunque far riferimento alle regole del Comune di appartenenza.

Se avete altre notizie o dettagli non esitate a commentare o a contattarmi tramite mail.

Il vostro aiuto è utile a tutti noi per riciclare al meglio!

Precedente

Come capire se una carta è termica

Successivo

Dove si buttano i palloncini?

  1. Andrea

    Utile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén

I RIFIUTI DI NATALEdove conferire i rifiuti tipici delle festività natalizie

UN REGALO PER TE!

Un piccolo formato pdf tutto da scaricare, stampare e anche da regalare!

Come ho fatto io con te ;-)

error: Il contenuto è protetto!!